Ristorante La Galleria


La Galleria
Piazza Marconi/Galleria Garofalo
Gragnano (Napoli)
Tel. 081 8733029

Chiuso domenica sera e lunedì

Nella capitale della pasta c’è un bravo cuoco, si chiama Giulio Coppola. I bene informati ci dicono che sia l’allievo preferito di Tonino Cannavacciuolo, avendo lavorato al suo fianco, a Villa Crespi.

A Gragnano, nell’ex pastificio Garofalo, c’è un piccolo ristorante che si chiama La Galleria.  In cucina c’è Giulio, ventisette anni,  e in sala la fidanzata Camilla.

Un piccolo ristorante, una piccola carta dei vini, di soli bianchi e rossi campani, e un menu che cambia di continuo. Al momento della nostra visita le fave riempiono i cesti dei mercati e il primo piatto che arriverà al nostro tavolo, forse il migliore del nostro pranzo, sarà Pasta tiepida di Gragnano con gamberetti, fave e seppie. Però!

La freschezza della seppia la ritrovi nella Lasagnetta, seppie e carciofi

Vorresti finire il tuo pranzo con gli Agnolotti con ricotta, basilico e colatura di pomodoro, in numero di cinque, perché sufficienti a convincerti che Giulio è bravo, usa prodotti freschi, sa combinarli fra loro ed è semplice nelle esecuzioni. Una ricetta quanto mai efficace.

Vorresti finire con gli Agnolotti perché se le Tre interpretazioni del calamaro, al pomodoro, stufato e grigliato all’insalata e il dolce Pasticciotto crema e amarena, gelato alla vaniglia e frutto della passione fossero degni dei piatti precedenti ti chiederesti il perché questo piccolo ristorante, nei suoi quindici mesi di vita, non sia già sulla bocca di tutti.

Ciò non toglie che a La Galleria si stia bene e si spenda il giusto, Le Petit Gourmet, quattro portate a quaranta euro e Le Grand Gourmet, a cinquanta con un “secondo” in più, fanno venire più facilmente voglia di tornarci.

A proposito, buoni anche i pani, così come semplice e cordiale il servizio.

Commenti

  1. [1] giudeicampi

    Giulio Coppola è un bravo chef, giovane e talentuoso, ha un rapporto qualità/prezzo da vero scouting. Un bravo a Maurizio per averlo scovato a casa mia, ed un invito a tutti ad andare a trovarlo, è un esperienza davvero gradevole e potrebbe essere molto conveniente farlo ora. ;-)

    13 aprile 2012 alle 13:48 | Rispondi
  2. [2] Giampiero Prozzo

    Ai primi di maggio dovrei passare da quelle parti… grazie Maurizio per la dritta.

    13 aprile 2012 alle 14:32 | Rispondi
  3. [3] danilo giaffreda

    i motivi (o i pretesti) per andare a Gragnano (e non solo a Gragnano) aumentano….;-)

    13 aprile 2012 alle 14:52 | Rispondi
  4. [4] Maurizio Cortese

    Danilo, credo proprio di si!

    13 aprile 2012 alle 14:59 | Rispondi
  5. [5] Stefano Bonilli

    Eh si, i motivi per andare a Gragnano aumentano…

    13 aprile 2012 alle 15:07 | Rispondi
  6. [6] giudeicampi

    :-) venite vi aspettiamo! :-)

    14 aprile 2012 alle 17:52 | Rispondi
  7. [7] K

    me lo segno! ;-)

    22 aprile 2012 alle 07:53 | Rispondi
  8. [8] Leone

    Mi sono fatto convincere dalla recensione e sono stato a La Galleria. La benevolenza del recensore è davvero eccessiva. Servizio dilettantesco (richiesto un vino rosso mi si propone un Fiano!), 3 ore per una cena normale. Una genovese di pesce aromatizzata al limone: nella guerra tra limone e cipolla il pesce scompare, ovviamente. Chiedo come secondo che il filetto sia al sangue, mi arriva ultrasecco con appena una traccia di rosa all’interno. L’idea che ci siamo fatta, io ed i miei commensali, è che il cuoco sia troppo solo a gestire la cucina e che dovrebbe investire nel personale. Se ha potenzialità certo sabato scorso non le ha espresse. Di sicuro però ha un buon amico, il recensore.

    23 aprile 2012 alle 11:52 | Rispondi

Lascia un commento

Ultimi articoli

1 - Enrico di Martino
Cascina Belmonte: una storia bio che inizia con un sogno

Di solito gli articoli partono raccontando lunghe storie di famiglia, il nonno… >>

IMG_0321
Salone del mobile: design, cibo, barbe e spazzatura

Va bene. Lo ammetto. Per me questo era il primo Salone del… >>

cancale-sant-malo15
Ostriche, granchi e Calvados: Ultima tappa in Normandia

MONT SAINT MICHEL
Una tappa d’obbligo. Ma che sollievo farlo in bassa… >>

renzi  vinitaly
#campolibero: diciamo a Martina e Renzi com’è l’Agricoltura che vogliamo

Erano belli i tempi delle curve in bicicletta verso Palazzo Vecchio.
Oggi… >>

raviolo tiramisu
Raviolo di tiramisù in copie numerate, solo 60 esemplari

Funziona così: lui mette su twitter la foto di un nuovo piatto,… >>

Ti potrebbero interessare

    pur01db
    il miglior ristorante della Val d’Aosta

    Mi fa sempre molto piacere soggiornare in uno stupendo albergo di montagna… >>

    mauri zuppa
    ristorante e osteria Al Pugnalone

    Francesco Sacco è un cuoco napoletano del quartiere Materdei dalla valigia facile,… >>

    risotto alla milanese
    Ristorante Ratanà

    Se è vero che la speranza è l’ultima a morire è anche… >>

    Millefoglie di trota e foie, passata di radicchio
    Ristorante La Trota

    Seguire l’evoluzione della gastronomia italiana e internazionale, informarsi sullo sviluppo degli stili,… >>

    Verdure cotte con foglie di betulla: giusto per capire dove siamo. La versione montana del Pinzimonio firmato Ducasse?
    Ristorante El Molin

    Possono bastare pochi piatti per capire la mano di un cuoco. Certe… >>