Umbria e basta


Ristorante Nun
Via Eremo delle Carceri, 1A
Assisi (PG)
Tel. 075 813163
Le acque del Perlasio, leggermente salate e calde, un tempo considerate miracolose, mi hanno purificato il corpo. Ma non hanno fatto il miracolo di saziarmi. Così la fame verso le nove arriva puntuale.
Scendo dalla stanza nel ristorante. Vorrei in ciabatte e accappatoio, ma mi impongo un minimo di dress code. La sala è bella e luminosa, il servizio  è preciso. La carta è un doppio concentrato di Umbria e territorio.

Assaggiamo lo Sformato di patate con Imbrecciata umbra e cornetto di guanciale: un tortino croccante appoggiato su una notevole zuppa di legumi con un ottimo e pungente olio appena franto (un intenso mix di Moraiolo, Leccino e Frantoio dell’Az. Marfuga, non lontano da Assisi). Proseguiamo con una Tartare di Chianina che è stato l’assaggio meno interessante della serata, buona ma non emozionante la carne. Le emozioni arrivano con i Ravioli di ricotta affumicata con castagne, mosto d’uva cotto e crema di zucca, i Cappellacci di piccione “alla tuderte” con crema di “cece” e pane tostato due piatti semplici, ma in realtà complessi. Due sfoglie porose contengono un piccione ripassato e tritato grossolanamente  e una pasta di ricotta e castagne delicatissima. L’Agnello che segue, fritto, con le verdure e misticanza di agrumi, batte il Trancio di baccalà tra le sue nuvole fritte e la trippa in umido (cotta nella coquottina). La carne di Grutti, paese nel cuore dell’Umbria, è tenera e saporita, la frittura è ben asciutta e la panatura è ben croccante. L’arancia sgrassa in bocca e l’insieme risulta armonico.

Nicolas Bonifacio, il giovanissimo chef, ha una bella strada davanti. Le basi e la direzione sono quelle giuste. Il territorio esplode, le cotture sono meticolose e l’identità della sua cucina si sta formando.
Carta dei vini ben fatta, costruita sull’Umbria e le sue strade del vino, oltre a una discreta selezione di vini italiani e etichette estere.


Commenti

  1. [1] francesco paulo

    Bel racconto snello, veloce ed eccitante. Conosco poco l’Umbria e ci capito raramente, ma questo indirizzo me lo metto da parte. Grazie.

    28 novembre 2011 alle 00:21 | Rispondi
  2. [2] Elisia Menduni

    E’ stata una bella scoperta anche per me. In piena Assisi, ristrutturazione davvero bella, buona cucina e spa da brividi!

    28 novembre 2011 alle 00:41 | Rispondi
  3. [3] Cara Chiara

    Ecco un ulteriore ottimo motivo per ritornare ad Assisi. La tua “istantanea” è assolutamente allettante. E poi…. se mi dici che c’è pure la spa….

    28 novembre 2011 alle 00:46 | Rispondi
  4. [4] berti

    Un post ricco e meticoloso………
    L’ Umbria merita di essere scoperta nelle sue più profonde radici

    28 novembre 2011 alle 08:52 | Rispondi
  5. [5] preludioindominore

    anche io ci sono stata, è davvero un posto piacevole, cibo, relax, e belvedere…che vuoi di più dalla vita?

    28 novembre 2011 alle 23:49 | Rispondi

Lascia un commento

Ultimi articoli

cover-1
Giacomo Gatì: il genio del caglio naturale

Viaggi giorni nella Sicilia assolata, solitaria, vuota, disarmante, lunare. Visiti caseifici, fattorie… >>

fabbrica del cioccolato 3
Le tubature delle meraviglie

Vado in visita in una delle industrie di biscotti più note in… >>

cavatelli
‘a Cillisi: è qui la festa

Non ci sono gli chef con i loro show-cooking. Non ci sono… >>

fancita 16
Orsera: la mia Istria II

Ad Orsera mi sono affezionata al ristorantino da Fancita: se qualcuno è in… >>

orsera2
Orsera: la mia Istria I

Chi mi conosce sa che da qualche anno amo passare il mio… >>